Traumi oculari e sport

La maggior parte dei traumi oculari colpisce persone con meno di 25 anni d’età e prevalentemente durante l’attività sportiva o ricreativa.

Si pensa che il 90% di questi traumi si possano evitare con opportuni accorgimenti.

E’ perciò consigliato educare i genitori e gli educatori sui possibili fattori di rischio domestico, scolastico e sportivo facendo OBBLIGATORIAMENTE indossare le PROTEZIONI OCULARI opportune durante le attività sportive svolte (cosa per altro consigliata da una delle maggiori istituzioni in materia: l’American Academy of Ophthalmology).

Gli sport più comunemente associati a lesioni oculari in giovani adulti sono: baseball, basketball, ciclismo, calcio, tennis, hockey, lacrosse, squash, pugilato, lotta e arti marziali full Contact e wrestling.

 

AVVERTENZE e CONSIGLI

  • Sarebbe opportuno indossare sempre un caschetto con una maschera facciale di policarbonato dotata di visiera nel baseball e nell’hockey.
  • Chi pratica lo sci deve far uso di occhiali protettivi con lenti che filtrino le radiazioni UV.
  • Non vi è alcuna protezione soddisfacente occhio per il pugilato, anche se i guanti thumbless possono ridurre il numero di lesioni agli oculari.
  • Bisogna prevenire le situazioni potenzialmente pericolose sia a casa sia a scuola e supervisionando i bambini durante tutte le attività ludiche/sportive.
  • Dare istruzioni precise su come maneggiare strumenti quali matite, forbici, forchette e coltellini.
  • Evitare giocattoli che possano essere lanciati, come le freccette o che sparino proiettili
  • Tenere fuori dalla portata dei bambini agenti chimici, gli spray, mollette, elastici, fibbie e ami da pesca
Annunci