ORTOTTICA e POSTURA

Tra la nostra vista e la postura del nostro corpo corre una relazione più stretta di quanto non si pensi.

La posizione del corpo è regolata dal sistema nervoso centrale che svolge un compito simile ad un computer che elabora informazioni in entrata (recettori) e produce in uscita degli output (tono muscolare) così da trasmettere determinate informazioni responsabili della postura.

I principali recettori posturali sono:

  • L’occhio
  • Il piede
  • L’apparato stomatognatico

Quando uno o più recettori non inviano informazioni corrette appaiono squilibri posturali.

Il recettore oculare svolge un ruolo importante nel mantenere un equilibrio di tipo tonico – posturale. L’occhio riceve informazioni, permette di misurare le distanze e la profondità garantendo un coordinamento oculomotorio che ci permette un equilibrio statico e dinamico.

Le maggiori cause di squilibri posturali a livello oculare sono

1) Disturbi della refrazione:  Miopia, Ipermotropia, Astigmatismo, Anisometropie (occhi con refrazioni diverse)

2) Disturbi legati ad alterazioni della motilità oculare: strabismo latente convergente o divergente

3) Disturbi legati alla convergenza oculare: la limitazione della convergenza di un occhio provoca una riduzione della rotazione della testa dallo stesso lato.

Quando le possibilità di compensazione si esauriscono, compaiono problemi molto diversi che – a prima vista – è difficile ricondurre alla postura:

  1. Stanchezza oculare
  2. astenopie
  3. cefalee spesso accompagnata da fotofobia
  4. cervicalgie
  5. nevralgie
  6. dolori alle spalle ed agli arti
  7. difficoltà di concentrazione nella lettura
  8. Vertigini
  9. Rendimento sportivo non buono
  10. Sensazione di bruciore e prurito agli occhi
  11. Visione sfuocata o sdoppiata
  12. Cattivo rendimento scolastico
  13.  Disortografie, Difficoltà nell’imparare a leggere, Disgrafie

Viceversa,anche una visione scarsa e/o mal corretta può generare una cattiva postura. Nello specifico, a ciascun difetto visivo corrisponde una postura sbagliata. Ovvero:

  1. Astigmatici: inclinanazione della testa;
  2. Anisometropi: ruotazione della testa;
  3. Esoforici: ruotazione delle scapole verso l’interno;
  4. Exoforici: ruotazione delle scapole verso l’esterno.
  5. Ipocorrezioni o ipercorrezioni delle lenti o un errore di correzione dell’asse di un astigmatismo possono essere quindi causa di un torcicollo oculare.

La RIABILITAZIONE ORTOTTICA ha così una parte importante nella riabilitazione posturale.

  1. esercizi per stimolare e riabilitare la muscolatura ocularePrincipalmente andremo a riabilitare i deficit di convergenza attraverso esercizi che rinforzano i muscoli deputati a questo movimento. Potremo andare anche a potenziare gli altri movimenti oculomotori utili per la lettura, per il cambiamento di posizione tra lontano e vicino e per i mutamenti di posizione del corpo, in relazione anche al tipo di lavoro svolto dal paziente.
  2. Nei casi più evidenti,in presenza di posizioni anomale del capo,ad esempio, si ricorre all’utilizzo di appositi PRISMI. Ovvero di lenti che spostano la direzione visiva e la posizione relativa dell’occhio. La prescrizione dei prismi, dovrà essere estremamente precisa e tenere conto del difetto visivo, dell’anatomia facciale del soggetto, della giusta montatura, sia per il bambino che per l’adulto.
Annunci