Archivi tag: difetti visivi

Why Do I Need to Get My Eyes Dilated?

Dilation is part of a thorough eye exam.

The view to the back of the eye is limited when the pupil is not dilated. When your pupil is small, an eye doctor can see your optic nerve and macula but the view is limited. In order to see the entire retina, the pupil must be dilated. This is achieved through the use of eye drops

During a dilated exam, your doctor can spot problems like a torn or detached retina or an eye tumor. They can also diagnose and monitor common eye diseases that can take away your sight:

  • check for myopia, hyperopia and astigmatism
  • Diabetic retinopathy
  • Glaucoma
  • Age-related macular degeneration
  • Cataract
  • peripherical retinal lesions
  • retinal detachment
  • eye tumors

How Long Does It Last?

Everyone’s eyes react differently to the dilation drops. It usually takes 15 to 30 minutes for your pupils to open completely. Most people are back to normal within about 4 to 6 hours. But for you, the effects could wear off more quickly, or they could last much longer.

Can I Drive?

Dilation doesn’t typically affect your distance vision  But because your pupils can’t control the amount of light going into your eyes, the glare outside may bother you. For some people, that makes it unsafe to drive. If you’ve never had your eyes dilated, get someone else to drive you home from your appointment. Once you’ve had it done, you’ll know whether dilation means you can’t drive after an exam. Whether or not you get behind the wheel, it’s a good idea to bring sunglasses with you so you can shield your eyes after the exam.

Can I Go Back To Work?

Dilating drops make it hard for your eyes to focus on things close to you. You probably won’t be able to read, use the computer, or do other tasks that require near vision after your appointment, unless you wear bifocals or use reading glasses. If you work outside, the bright light may bother you. It may be easier to make an appointment later in the day so you don’t have to go back to work.

How Often Do I Need It?

The National Eye Institute recommends everyone over 60 have a dilated exam once a year. If you’re African-American, you’re at higher risk for glaucoma, so the yearly recommendation starts at age 40. If you have diabete you should also have a dilated exam once a year no matter how old you are.

Dilation is often a normal part of an eye exam or people who wear glasses or contacts. But if you’re young and your eyes are healthy, you may not need it every time. Your doctor also may be able to use other methods to check your retina without dilating your eyes, but they may not work as well. See what your doctor recommends.

Many eye diseases are more common as you get older. The American Academy of Ophthalmology says everyone should get a baseline exam with dilation when they’re 40. That way, your doctor can track any changes that could signal a problem.

General Guidelines

  • Children should receive their first comprehensive eye examination before the age of 3, unless a specific condition or history of family childhood vision problems warrants an earlier examination.
  • Anyone with a history of visual problems should get routine preventive care.
  • People ages 20 to 30 should have an eye exam every two years, unless visual changes, pain, flashes of light, new floaters, injury, or tearing occurs. Then, immediate care is necessary.
  • Yearly exams become important in the late thirties, when changes in vision and focus along with eye diseases, are more likely to develop.

Factors Your Eye Doctor Considers When Determining Whether Eye Dilation Is Necessary:

  • Age. The risk of eye diseases increases with age—particularly over age 40.
  • Eye health. If you’ve experienced eye diseases that affect the back of the eye, such as retinal detachment, you may have an increased risk of future eye problems.
  • Overall health. Certain diseases, such as diabetes, increase the risk of eye disease.
  • Reason for the exam. Are you in good health, under 40 and wondering if you need vision correction? You may not need a dilated exam this time, but know that you should have one at least every few years and more frequently as you get older. If it’s your very first eye exam, it’s a good idea to go with dilation for a baseline exam. You can discuss this with your doctor.
  • If you have new, worrisome eye symptoms or vision problems, then eye dilation may be necessary to make a diagnosis.
  • Results of previous exams: If recent eye exams have included eye dilation with no unusual findings, it may be possible to skip the eye-dilation portion of your next exam.
Annunci

MACULOPATIA: DECALOGO DI PREVENZIONE

emorragia sottoretinica per degenerazione maculare essudativa

Degenerazione maculare essudativa

 

 

 

 

 

 

La degenerazione maculare legata all’età è una patologia che colpisce la parte centrale della retina, chiamata appunto macula, con conseguente graduale grave riduzione della capacità visiva.  Nella sua forma iniziale, la malattia spesso si presenta senza sintomi, ed è per questo indispensabile la sua diagnosi precoce.

L’affezione colpisce il 18-20 per cento della popolazione anziana ed è la prima causa di ipovisione nel mondo occidentale.

PER APPROFONDIRE leggi anche qui

 

DECALOGO

1) Vai dall’oculista con frequenza per fare un esame del fondo oculare e un OCT soprattutto dopo i 50 anni

OCT normale

 

 

 

DMS

2) Se hai una persona affetta da maculopatia in famiglia fai visite oculistiche annuali dopo i 50 anni

3) Non fumare o smetti di fumare e non bere alcolici

4) Proteggi gli occhi dal sole con occhiali contro i raggi ultravioletti

5) mangia tanta frutta e verdura fresca r proteine magre (pesce) oltre a cereali integrali. Riduci i grassi animali

6) Svolgi attività fisica con regolarità

7) Mantieni la pressione arteriosa sotto controllo e nei limiti consigliati dal tuo medico curante

8) Tieni il peso sotto controllo ed evita l’obesità

9) Prenditi pause dal lavoroa l monitor del pc, dallo smartphone e da altri dispositivi digitali

10) Controlla periodicamente la tua funzione visiva con un semplice test che consiste nel guardare come sono i quadratini di un foglio quadrettato: se riscontri distorsioni dei quadratini vai a fare una visita oculistica con sollecitudine.

Monitorare lo stato di salute dei propri occhi è fondamentale per scongiurare una diagnosi tardiva e oggi farlo è semplicissimo con le nuove avanzate tecnologie come l’OCT, un esame che consente diagnosi sofisticate e precise in tempo reale

PERMESSI INPS

I permessi per assistere un familiare in stato di disabilità possono essere fruiti anche di domenica e anche durante turni di notte: l’INPS pubblica delle precisazioni in merito

L’articolo 33 della legge n. 104/1992  prevede che i lavoratori che prestano assistenza a familiari con disabilità sia garantita la possibilità di assentarsi dal lavoro per tre giorni al mese, godendo di permessi retribuiti, che possono anche essere fruiti ad ore.
Si tratta di una misura che intende alleggerire il carico familiare di assistenza, da non confondersi con i permessi per il lavoratore disabile.

L’INPS ha recentemente pubblicato un messaggio che riporta alcuni chiarimenti in merito alla loro fruizione.
Nel suo messaggio l’INPS ha chiarito che i tre giorni di congedo mensili possono essere fruiti anche di domenica e di notte, se rientranti in turni di lavoro. Va inoltre conteggiato un solo giorno di permesso se il turno è notturno e la prestazione si svolge a cavallo di due giorni. Ricapitoliamo per punti, quindi, come regolarsi in caso di lavoro  a turni o domenicale, per poter usufruire dei permessi  ai sensi dell’articolo 33, comma 3, della legge 104.

CHI HA DIRITTO AI PERMESSI – Ricordiamo innanzitutto che i permessi retribuiti per assistere un familiare in condizione di disabilità spettano a:
– genitori, anche adottivi o affidatari, di figli disabili in situazione di gravità;
– coniuge, parte dell’unione civile, convivente di fatto (art. 1, commi 36 e 37, legge 76/2016), parenti o affini entro il 2° grado di familiari disabili in situazione di gravità.
– Possono goderne, infine, parenti e affini di terzo grado solo se i genitori o il coniuge o la parte dell’unione civile o il convivente della persona con disabilità grave abbiano compiuto 65 anni oppure siano anche essi affetti da patologie invalidanti o deceduti o mancanti (L. 183/2010).

COSA SI INTENDE PER LAVORO A TURNI  – L’INPS precisa che per “lavoro a turni” si intendeogni forma di organizzazione dell’orario di lavoro diversa dal normale “lavoro giornaliero”, in cui l’orario operativo dell’azienda può andare a coprire l’intero arco delle 24 ore e la totalità dei giorni settimanali.
Tale modalità organizzativa, pertanto, può comprendere anche il lavoro notturno e quello prestato in giorni festivi (compresa la domenica).
Il riferimento è l’articolo 1 del decreto legislativo 8 aprile 2003, n. 66, che definisce il lavoro a turni come “qualsiasi metodo di organizzazione del lavoro anche a squadre in base al quale dei lavoratori siano successivamente occupati negli stessi posti di lavoro, secondo un determinato ritmo, compreso il ritmo rotativo, che può essere di tipo continuo (impianti operativi che procedono per tutta la giornata e 7 giorni su 7) o discontinuo (impianti che non procedono 24 ore su 24), e il quale comporti la necessità per i lavoratori di compiere un lavoro a ore differenti su un periodo determinato di giorni o di settimane”.

I PERMESSI IN GIORNO FESTIVO – Ricordando che l’articolo 33, comma 3, della legge n. 104/1992 prevede la fruizione dei permessi mensili retribuiti “a giornata”, indipendentemente, cioè, dall’articolazione della prestazione lavorativa nell’arco delle 24 ore o della settimana e dal numero di ore che il dipendente avrebbe dovuto concretamente effettuare nel giorno di interesse, l’INPS specifica che il beneficio in argomento può essere fruito anche in corrispondenza di un turno di lavoro da effettuare nella giornata di domenica.

I PERMESSI IN ORARIO NOTTURNO – Lo stesso principio si applica anche al lavoro notturno: anche se si svolge a cavallo di due giorni solari, la prestazione è riferita ad un solo turno di lavoro in cui si articola l’organizzazione.
Questo significa che il permesso fruito in corrispondenza turno di lavoro va considerato pari ad un solo giorno di permesso anche nel caso in cui si articoli a cavallo di due giorni solari.

LA FORMULA PER IL CALCOLO DELLE ORE FRAZIONATE – Solo se si fruisce dei giorni di permesso frazionandoli ad ore va calcolato il riproporzionamento orario. In tale caso, per determinare a quante ore mensili si ha diritto, si deve applicare la formula indicata nel messaggio n. 16866 del 28/6/2007, ovvero: orario di lavoro medio settimanale/numero medio dei giorni (o turni) lavorativi settimanali x 3 = ore mensili fruibili.

 

 

Fonte: http://www.retinaitalia.org

Nerve Growth Factor per Cheratite neurotrofica

La cheratite neurotrofica è una malattia degenerativa rara ma devastante  risultante dalla perdita della sensibilità corneale fornita dal nervo trigemino. L’innervazione trigeminale corneale fornisce anche i neuromediatori e il supporto trofico necessari al mantenimento dell’integrità della cornea. La perdita della sensibilità corneale è associata quindi a danni epiteliali progressivi, tra i quali assottigliamento della cornea, ulcerazione, necrosi e perforazione nei casi più gravi.
La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha approvato cenegermin per la cheratite neurotrofica, il primo farmaco indicato per il trattamento di questa malattia rara che colpisce la cornea. Oxervate (cenegermin), gocce oculari è un trattamento topico biotecnologico a base del nerve growth factor in versione ricombinante.
Cenegermin è approvato anche dall’EMA per il trattamento della cheratite neurotrofica moderata o grave.

IMPORTANZA DELLA VISITA OCULISTICA PEDIATRICA

“Se un bambino non vede bene NON IMPARA, ha maggiori PROBLEMI SCOLASTICI e un minor RENDIMENTO SPORTIVO”.

Sono questi i dati emersi da una recente ricerca promossa dalla commissione difesa vista: sebbene circa un terzo dei bambini di età compresa tra 3 e 13 anni abbia dei problemi di vista come miopia, astigmatismo e ipermetropia, ben il 20% NON è corretto adeguatamente, cioè non indossa gli occhiali.

Un dato ancora più sconcertante è che circa la metà dei genitori italiani (in alcune ricerche anche oltre) NON ritiene il controllo oculistico necessario e non sottopone il proprio bambino a questo momento essenziale di prevenzione.

Infatti se da un lato non correggere un problema visivo esistente può determinare un minor apprendimento scolastico, dall’altro può generare ansia, stress o problemi posturali che la scuola può solo accentuare.

Inoltre è spesso DIFFICILE ACCORGERSI SE IL PROPRIO BAMBINO PRESENTA PROBLEMI VISIVI anche perché i bambini spesso non sono in grado di palesare il proprio disagio.

Ecco perché, anche in assenza di sintomi e/o patologie oculari, la VISITA OCULISTICA del bambino è un momento IMPORTANTE e INDISPENSABILE, da eseguire all’età di 3 anni, prima di iniziare la scuola e verso gli 8-9 anni, periodo in cui si presenta la cosiddetta miopia “scolare”, per la quale si prescrive la totale correzione del difetto.

QUANDO FARE I CONTROLLI OCULISTICI

È fondamentale che alcuni problemi oculari, come occhio pigro e strabismo, vengano scoperti il più presto possibile (ed entro i 7-8 anni di età, periodo plastico: quando il cervello impara a vedere), in modo che possano essere trattati prima che il danno per la visione del bambino sia permanente. Infatti i danni a carico dell’apparato visivo che si verificano in età pediatrica sono spesso totalmente o parzialmente recuperabili soltanto grazie ad un tempestivo e mirato CONTROLLO OCULISTICO E ORTOTTICO e ad un appropriato trattamento riabilitativo.

Per riassumere, un bambino che non presenta/palesa sintomi o problemi visivi deve sottoporsi ai seguenti controlli oculistici:

  • A 1 anno: soprattutto per quei bambini che hanno familiarità per patologie oculari importanti: strabismo, glaucoma infantile, miopia elevata, cataratta giovanile, malattie metaboliche ereditarie, patologie del nervo ottico o retiniche ereditarie,…
  • A 3-4 anni: per valutare il corretto sviluppo morfologico e funzionale dell’apparato visivo
  • Intorno ai 6 anni: quando si comincia la scuola
  • Verso i 8-9: quando iniziano a manifestarsi la maggior parte delle miopie lievi o moderate

SEGNI E SINTOMI che devono fare sospettare un problema visivo sono:

  • Difficoltà nella lettura
  • Difficoltà nel memorizzare
  • Calo di attenzione e riduzione del tempo dedicato alla lettura e allo studio
  • Intenso Bruciore e lacrimazione soprattutto durante la lettura
  • Cefalea dopo la scuola o dopo aver studiato
  • Annebbiamenti visivi durante la visione soprattutto se dopo la lettura
  • Se avvicina molto gli oggetti
  • Occhio rosso
  • Se si stropiccia spesso gli occhi

Il CONTROLLO deve essere IMMEDIATO e TEMPESTIVO a prescindere dall’età, in caso di:

  • Posizione anomala degli occhi (strabismo) dopo i 6 mesi di età
  • Riflesso strano dell’occhio (pupilla bianca, anomalo riflesso rosso in fotografia)
  • Capo inclinato da una parte
  • Se ha un movimento involontario oscillatorio degli occhi
  • Quando si vedono lampi
  • Moschine volanti
  • Quando vi è un calo improvviso della vista con o senza dolore
  • Se vede le righe storte o sdoppiate
  • Se chiude male le palpebre
  • Sempre in causa di trauma cranico e facciale

COME VENIRE PREPARATI ALLA VISITA OCULISTICA

Presso lo studio del DOTT. SCOTTI FABRIZIO la visita oculistica pediatrica INTEGRA SEMPRE LE COMPETENZE DEL MEDICO OCULISTICO CON QUELLE DELL’ORTOTTISTA per offrire al piccolo paziente una valutazione completa dell’aspetto visivo.

E’ importante presentarsi preparati alla visita oculistica portando tutta la DOCUMENTAZIONE clinica precedente, l’elenco degli eventuali FARMACI che si stanno assumendo o che si sono assunti in passato, elenco delle patologie presenti in famiglia.

Se da un lato la collaborazione del bambino è auspicabile ma non necessaria per la buona riuscita di una visita, l’aiuto da parte del genitore è fondamentale per tranquillizzare il bambino e farlo sentire a proprio agio.

L’esame oculistico dei bambini non è mai un evento traumatico o doloroso. L’unica manovra effettuata durante la visita che può risultare seccante è legata all’instillazione di gocce per la dilatazione della pupilla; questo passaggio è però necessario perché permette la valutazione dei difetti visivi nascosti e della retina. Dopo l’instillazione il bambino non riuscirà a mettere a fuoco bene, soprattutto da vicino.

Per misurare l’acuità visiva (QUANTO VEDE UN MABINO), si proiettano su uno schermo delle “E” di diversa grandezza e il bambino dovrà dire da che parte vanno le punte delle “E”.  Sarebbe utile che prima della visita oculistica il genitore, insegnasse al bambino a descrivere l’orientamento delle punte della “E”, con la mano o con una E di cartone che il bambino può disegnare e colorare a casa e portare il giorno della visita.

 

E di Albini

Videogame per l’ambliopia

ubisoft-dig-rush

Dig Rush (Ubisof & Amblyotech) è il primo videogioco appositamente progettato come ausilio per la cura dell’ambliopia: fa lavorare entrambi gli occhi per aumentare l’acutezza visiva. Il software sviluppato per Dig Rush si basa su un metodo brevettato alla McGill University e successivamente concesso in licenza alla Amblyotech.

il suo funzionamento si basa sulla capacità delle immagini presenti sullo schermo di sfruttare le abilità visive del paziente mediante un’impostazione binoculare in grado di correggere le diseguaglianze tra i due occhi senza il ricorso alla chiusura forzata di uno dei due. In sostanza, mentre l’impiego di bende e occhiali prevede il riposo assoluto per il bulbo oculare considerato “normale” e il corrispondente sforzo da parte dell’occhio pigro, questo gioco fa lavorare entrambi gli occhi del videogiocatore per addestrare il cervello a incrementare l’acutezza visiva.

Questa a terapia sta aspettando l’autorizzazione da parte del FDA per la sua commercializzazione.

La possibilità di abbandonare i tradizionali sistemi correttivi dedicati all’ambliopia potrebbe così produrre un notevole miglioramento nella dimensione sociale e affettiva dei più piccoli, spesso emarginati in base a particolari imperfezioni fisiche.

Cos’è l’ambliopia?

Colliri…Come metterli

lacrime artificialiQuando andiamo a fare una visita dall’oculista e usciamo con una ricetta… Sono gocce!!!!

Il collirio oculare è un unguento che viene prescritto dall’oculista in seguito a un’operazione (cataratta, iniezione intravitreale, chirurgia refrattiva,…), per curare un’infezione, in caso di occhio secco o in alcune patologie croniche come il glaucoma. Il collirio viene utilizzato anche per dilatare la pupilla durante la visita oculistica.

È anzitutto importante richiedere sempre il parere del medico oculista prima di instillare qualsiasi tipo di collirio nell’occhio per evitare spiacevoli effetti collaterali.  Anche se scontato, è doveroso ribadire l’importanza di attenersi scrupolosamente alla somministrazione raccomandata dal medico oculista. Quando si modifica la posologia senza prima aver consultato un esperto si rischia di prolungare la malattia.
Ma come si mettono i colliri? E’ possibile farlo da soli? Mi devo fare aiutare?  
Ecco il modo corretto per applicare un collirio (da soli o da parte di qualcuno):
  • Lavarsi le mani
  • Agitare il collirio, in modo che i componenti si mischino bene
  • Aprire il flacone e rimuovere l’anello che serviva per sigillare (può cadere nell’occhio durante
  • l’applicazione)
  • Prendere il collirio e con il dito indice della mano libera tirare la palpebra inferiore verso il basso.
  • Se c’è una persona che mette le gocce, fare allo stesso modo, solo con un dito e sulla palpebra inferiore.
  • Collocare il flacone sull’occhio, a una distanza sufficiente da non toccarlo, e fare pressione sul flacone fino a che non sarà caduta una goccia
  • Una volta istillato il collirio, chiudere delicatamente gli occhi e fare una leggera pressione sul condotto lacrimale per alcuni secondi in modo da dare il tempo alla medicina di essere assorbita
  • Nel caso in cui si debba mettere più di un collirio, attendere almeno due minuti tra uno e l’altro, ripetendo la stessa sequenza
  • Nel caso in cui si debba applicare anche una pomata bisognerà metterla per ultima, dopo i colliri.
  • Una volta aperto il prodotto, è buona regola controllare la data di scadenza

 

COLLIRI e LENTI A CONTATTO (LAC)

In linea di principio, i colliri non vanno utilizzati in presenza di lenti a contatto (dato che le lenti possono assorbire il collirio e portare a un accumulo concentrato della sostanza) o comunque vanno instillati nell’occhio solo dopo averle rimosse.

A seguito dell’applicazione del collirio, le lenti a contatto possono essere riapplicate dopo almeno 15 minuti.

Esistono specifici lubrificanti per uso interno all’occhio, che molte aziende farmaceutiche producono e commercializzano per l’utilizzo in presenza di lenti a contatto. Qualsiasi dubbio riguardante il collirio prescelto va valutato con il proprio oculista.